TENCIHE DI LAVORAZIONE CARBONIO - EFConsulting

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

TENCIHE DI LAVORAZIONE CARBONIO


  KAWASAKI

ZX10R 2008
Z 750

  
  YAMAHA

TMAX


  BMW MOTO

R 1200 GS
F 800 GS


  BITURBO RACE SUSPENSION

SOSPENSIONI POSTERIORI
SOSPENSIONI ANTERIORI


  ACCESSORI

ADESIVI
ALTRO/CARBONIO

CARBONIO

È uno dei materiali più tecnologici. Si tratta di un’ intreccio di fibre immerse in una resina. Una struttura che meccanicamente può essere insuperabile.
Si tratta di una miscela di materiali di composizione chimica differente che concorrono sinergicamente all'ottenimento di determinate proprietà chimiche, fisiche e meccaniche.
Non esiste un solo tipo di fibra di carbonio, la realizzazione della struttura può variare anche di molto la resa meccanica e se il progetto non è realizzato con i dovuti presupposti tecnici, non c'è garanzia di risultato. Ecco perché per realizzare un’ottima struttura in fibra è necessaria una specifica progettazione sulla sovrapposizione delle tele (pelli) in fibra, è fondamentale che l’orientamento dei fili di fibra tenga conto del senso di applicazione della forza. Sarà quindi il posizionamento e la quantità delle pelli a dare le caratteristiche meccaniche alla struttura che si sta realizzando, l’orientamento della maggior parte dei filamenti dovrà seguire le linee che riteniamo più sollecitate.
Gli stampi per la realizzazione possono essere costruiti sia in fibra composita che in metallo (alluminio, acciaio), naturalmente con costi diversi, la scelta viene spesso fatta in base al quantitativo delle parti che vogliamo realizzare e al loro tipo di applicazione.
Il tipo di tessuto che utilizziamo è sempre di tipo pre impregnato, si tratta di tessuto precedentemente impregnato di resina epossidica mantenuto in cella frigorifera, a bassa temperatura per evitare l’indurimento della resina.

Questo tipo di tessuto garantisce una migliore distribuzione della resina nel tessuto per cui minor peso e maggiore resistenza meccanica. Una volta terminata la fase di laminazione (stesura delle pelli all’interno dello stampo), lo stampo viene immesso in un’autoclave dove alta temperatura e pressione fanno solidificare la resina e le fibre (polimerizzazione) spingendo le stesse lungo le pareti dello stampo.

Maggiore sarà la pressione esercitata minore sarà la quantità di aria che resterà all’interno del composito. Per ottenere un buon risultato estetico e strutturale normalmente si utilizza una pressione di sei, sette atmosfere. Esistono diversi tipi di tessuto con dicitura diversa 3K, 6K, 12K ecc., questo tipo di dicitura specifica il tipo di intreccio del tessuto.

Più il numero è basso, maggiore è la densità dell’intreccio e quindi la robustezza della parte in carbonio. Per questo motivo nelle applicazioni più tecnicamente importanti si fa largo uso del 3K.
Una importante caratteristica del carbonio è la sua estrema versatilità, con il carbonio si può realizzare di tutto, dai particolari ai quali viene chiesta un importante flessibilità (canne da pesca e pinne), ai particolari ai quali viene chiesta un importante solidità (braccetti delle sospensioni delle Formula uno).
Tutto dipende dal tipo di lavorazione, dall’intreccio dei fili, dalle dimensioni delle pelli, dall’orientamento e dalla quantità delle stesse.
Si possono costruire giocattoli o parti strutturali di un’astronave.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu